E. Galli della Loggia L’identità italiana

«Nulla ha segnato così profondamente e definitivamente l’identità italiana – tanto la fisionomia fisica del paese e il suo volto esteriore, quanto la sua anima e la sua cultura – come la concomitante presenza nella sua penisola di Roma e della sua eredità, da un lato, e della sede della Chiesa cattolica dall’altro. Il sovrapporsi di civiltà romana e di cristianesimo cattolico sul suolo della penisola hanno rappresentato per l’Italia un deposito storico di tale spessore e prestigio da riverberarsi sulle sue vicende in modo e misura assolutamente unici e decisivi. L’Italia ha acquistato per sempre, grazie a tale sovrapporsi un posto centrale nella civiltà dell’Europa e dell’intero mondo che da essa è stato e continua a essere influenzato.
Presidiando il passato classico e la culla della cristianità occidentale, non solo è come se l’Italia presidiasse l’identità di ogni europeo, ma a tale identità essa ha dato un contributo essenziale, essendo stata la prima ad elaborare, aggiornare e adattare quel passato.
… Sono innumerevoli le conseguenze concrete cui ha dato luogo la presenza incessantemente operante dell’eredità latina e cristiana. Basti pensare allo straordinario policentrismo urbano, lascito diretto dell’epoca romana.
… L’immagine dell’Italia femminile e turrita (a mura di città), di un’Italia urbana che comincia a figurare sulle monete a partire da Traiano, ma che forse risale addirittura all’età augustea, sarà ripreso con forza dalla civiltà cittadina del Tre-Quattrocento e anche allo sguardo straniero rappresenterà sempre uno degli aspetti più tipici della penisola.
… C’è un dato impressionante che testimonia di questa vocazione urbana che Roma, traendola dal passato italico, riprende e amplifica: su un campione di 8 mila insediamenti circa, presenti nell’Italia odierna, si è potuto constatare che 713 erano già esistenti in età preromana e ben 1.971 risalgono a quella romana: vale a dire che in complesso più o meno il 30 per cento dei centri considerati risalgono a un periodo di tempo precedente l’età medievale e moderna. Ma anche quando gli insediamenti risalgono a un passato più antico di quello romano, si può essere quasi sempre sicuri che è la struttura viaria sovrimpressa all’insediamento precedente in epoca romana, con il cardo e il decumano, con il foro e le terme, è quella struttura ad essere ancora oggi visibile e leggibile in cento e cento luoghi abitati d’Italia.
Insieme alle colonne e agli archi essi rappresentano la testimonianza fisica, quasi la prova fisica che attesta “la continuità della civiltà nella quale gli italiani non hanno mai cessato di riconoscersi.”»

Stampa

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *